La parola all’urologo – Le differenze tra i farmaci contro la disfunzione erettile

A cura di Andrea Militello, urologo e andrologo (www.urologia-andrologia.net - www.andrologiamilitello.it)

La disfunzione erettile è un problema sempre più presente e forse anche sempre più denunciato dall’uomo anche in giovane età. Alla base possono esserci problemi metabolici, endocrini, vascolari ma anche – e forse più spesso di quanto si possa pensare – di natura psicogena ed emozionale.

Esiste un percorso diagnostico che deve essere affrontato assieme al proprio andrologo di fiducia, ma spesso, inutile nasconderselo, l’approccio terapeutico in tutti i casi è quello di sostenere l’erezione con i farmaci conosciuti come inibitori delle 5 Fosfo diesterasi, 5-PDEi. Conosciamo ormai da anni i farmaci dedicati all’erezione. Ricordiamo che la prima compressa di Viagra fu introdotta nel 1998. I principi attivi sono il sildenafil (che identifichiamo con il primo nome commerciale di Viagra), il tadalafil (che riconosciamo con il primo nome commerciale di Cialis), il vardenafil (noto come  Levitra) e l’ avanafil (lo Spedra).

Capita che alcune volte il paziente tenda ad automedicarsi e i farmaci più utilizzati, forse perché sono stati i primi a essere introdotti in commercio, sono quasi sempre il Viagra e il Cialis. Ma quali sono le differenze sostanziali tra tutti questi farmaci? Essenzialmente la molecola che si distacca dalle altre è il tadalafil ossia il Cialis. Questa molecola ha un’azione che di solito interviene entro mezz’ora o un’ora, ma che si protrae per 36 ore, chiaramente sotto stimolo. Per questo motivo alcune persone non hanno un’immediata risposta, ma spesso riferiscono le risposte e quindi una valida erezione del farmaco a distanza di ore dalla sua assunzione. Per queste sue caratteristiche il farmaco è usato anche a bassi dosaggi in maniera quotidiana con uno scopo, possiamo dire, riabilitativo dei corpi cavernosi.

Tutti gli altri farmaci, Viagra, Levitra, lo Spedra, il Rabestrom sublinguale hanno un’azione immediata, nell’arco di 30 40 minuti, o anche meno; il farmaco entra in circolo e svolge la propria azione essendo poi metabolizzato nell’arco di 4-6 ore. Quindi la differenza sostanziale tra Cialis e altre molecole degli altri farmaci è appunto la durata d’azione. Proprio per questa ragione, il tadalafil potrebbe non dare una immediata risposta erettile. Le terapie con queste molecole devono essere calibrate e personalizzate assieme al proprio andrologo di fiducia in base anche alle proprie necessità, agli esiti degli esami effettuati e, perché no, anche in base alle proprie abitudini sessuali e alla vita di coppia.