La parola all’urologo – Il fumo abbassa i livelli di testosterone?

A cura di Andrea Militello, urologo e andrologo (www.urologia-andrologia.net - www.andrologiamilitello.it)

59

Egregio dottor Militello,

ho 45 anni e sono un fumatore. Su alcuni articoli di giornale ho letto che il fumo abbassa i livelli di testosterone mentre altri dicono il contrario. Ma quanto è importante il testosterone e quali sono le sue funzioni?

G.S. (Roma)

Il testosterone è l’ormone maschile per eccellenza, responsabile dello sviluppo dei caratteri sessuali primari e secondari nella giovane età e nel mantenimento poi della libido e delle funzioni sessuali nonché del trofismo muscolare nell’uomo nell’età più avanzata.

È prodotto dai testicoli sotto stimolo di ormoni ipofisari quali LH che vanno a stimolare le cellule testicolari deputate alla produzione del testosterone, conosciute come cellule del Leydig.  Il testosterone tende a diminuire con il passare degli anni iniziando a decrescere dai 30 anni in poi. La sua diminuzione è causa di quel quadro clinico e metabolico conosciuto come andropausa, caratterizzata essenzialmente da un calo di libido, della potenza sessuale, della forza muscolare e della capacità di concentrazione. È quindi indispensabile dosare il testosterone a partire dai 50 anni di età per anticipare quelle che possono essere eventuali modificazioni metaboliche e ormonali e affidarsi a un andrologo di fiducia. Il testosterone, inoltre, viene metabolizzato in ormoni femminili quali il 17 beta estradiolo che se in eccesso può avere un’azione contrastante il testosterone stesso.

Il fumo di per sé non è un inibente nella produzione del testosterone ma va a creare un danno al microcircolo arterioso anche a livello dei vasi testicolari (arterie e vene) riducendo l’ossigenazione e gli scambi nutrizionali, alterando di conseguenza l’attività del testicolo stesso con una minore produzione di spermatozoi e di testosterone. Il fumo, del resto, è collegato al grave sintomo della disfunzione erettile nell’uomo colpendo spesso come primo organo i corpi cavernosi del pene.