Almeno l’italiano sallo! – L’impatto della comunicazione in Rete sulla lingua italiana

Di Valeria Della Valle, linguista, già professoressa associata di Linguistica italiana all’Università Sapienza di Roma

67

Una certa propaganda, soprattutto giornalistica, ha diffuso e continua a diffondere la notizia che la lingua italiana sarebbe moribonda per colpa della Rete. Del resto, a proposito di notizie-fandonia(che preferiamo a fake news!), nel secolo scorso la lingua italiana era già stata data per morente: prima per colpa dei fumetti, poi della radio e soprattutto della televisione, che invece hanno insegnato a parlare a milioni di italiani che prima si esprimevano solo in dialetto.  Uno degli argomenti più dibattuti dai media italiani riguarda i danni, veri o presunti, prodotti nella lingua italiana dalla Rete, e addirittura molti temono che quelle che noi preferiamo chiamare “faccine” (cioè gli emoticon e gli emoji), sostituiscano le parole.  Qualcuno ha parlato addirittura di un nuovo italiano, o di una scrittura liquida, per sottolineare il fatto che i testi scritti non sono più affidati a un supporto solido (come è avvenuto per secoli, quando si scriveva sulla pietra, sulla pergamena, sulla carta), ma a un supporto non del tutto materiale, che ha fatto perdere alla scrittura (e alla lettura) certe caratteristiche. In Italia è usata spesso l’espressione “italiano digitato”, che si riferisce all’uso della tastiera, ma ormai anche il verbo “digitare” è superato: se pensiamo alle tastiere dei telefonini e ai tablet, forse dovremmo dire “italiano scivolato”. Ora trionfa il cosiddetto “e-taliano”, etichetta che ha grande successo perché usa quel prefisso “e-“ col valore di “elettronico”, molto usato in altre espressioni   (gli e-books,  e gli  e-libri).

Ma, indipendentemente dal nome usato per indicare questo vero o presunto nuovo italiano scritto, si sono creati, come succede spesso in Italia anche su altri argomenti, due partiti: quello di chi è apocalittico e sostiene che «Internet sta uccidendo l’italiano» e quello, all’opposto di chi sostiene che non c’è alcuna differenza tra  la lingua italiana pre-Internet e quella  post-Internet

Allora, cercherò di analizzare il fenomeno serenamente. Quale impatto ha avuto la comunicazione in Rete sulla lingua italiana?  I messaggi sono caratterizzati dalla brevità, dalle abbreviazioni frequentissime (“tvb” per “ti voglio bene”), per risparmiare tempo e spazio, da una sintassi spesso approssimativa, da punti esclamativi e interrogativi, da virgole messe qua e là o assenti, da una deformazione voluta delle parole (“nouuuuu!” invece di “no”; disskooo” per “discoteca”), ecc.

Ma queste caratteristiche si trovano in tutti i testi scritti nella Rete, non solo in italiano ma nelle varie lingue del mondo, a cominciare proprio dall’inglese. Non possiamo dare la colpa alla Rete degli errori e delle deformazioni e della brevità delle frasi dei testi scritti in italiano: certo, gli effetti di questo tipo di scrittura sono la velocità, la necessità e volontà di essere meno formali, a volte anche volgari e violenti, lo scambio continuo e rapido che abbassa il controllo e la rilettura dei testi e quindi favorisce gli errori.  Invece di essere pessimisti e catastrofisti, prendiamo atto del fatto che la scrittura in Rete è una scrittura informale, più vicino al parlato, e la scrittura in buon italiano è una cosa diversa, nella quale dobbiamo osservare e rispettare le regole della grammatica.

Valeria Della Valle

Se la nostra lingua italiana è sopravvissuta per secoli, nonostante le invasioni, le guerre, le contaminazioni, la politica linguistica del Fascismo, perché dovrebbe soccombere di fronte alla grande rivoluzione del web?