Naturopatia e benessere – Colon irritabile: perché l’intestino si infiamma

A cura della dott.ssa Alessia Macci, naturopata e infermiera presso il servizio Cad del territorio Asl Rm 1

78

Sappiamo tutti ormai quanto sia profonda la connessione esistente tra cervello e intestino e come sia stata riconosciuta anche dalle ricerche effettuate nell’ambito della medicina convenzionale, che hanno confermato la presenza di tessuti appartenenti al sistema nervoso centrale all’interno del colon. In medicina naturale è prassi ordinaria ricercare tra le cause della sindrome del colon irritabile un’alterazione a livello psico neurologico che inevitabilmente si ripercuote sulla sfera emotiva. L’intestino rappresenta la sede delle nostre emozioni non elaborate e non digerite. Ciò significa che se non mi permetto di ascoltarmi a livello emozionale, entrerò in conflitto con la mente che cercherà a tutti i costi di controllare e mettere a tacere ciò che invece dovrebbe essere libero di esistere e fluire.

Avrete fatto caso dei miei continui riferimenti, anche nei precedenti articoli, sull’importanza di ascoltarsi emotivamente, proprio perché attraverso questo ascolto, possiamo davvero prevenire l’insorgenza di tanti disturbi. La sindrome del colon irritabile è in costante aumento e viaggia di pari passo alla nostra mancanza di attenzione verso noi stessi e verso il tempo che dovremmo dedicarci per elaborare ogni esperienza che viviamo quotidianamente. Vivere in modo meccanico, ripetendo le stesse azioni ogni giorno senza prestare attenzione a che cosa si scatena a livello emotivo è la prima forma di disattenzione a cui è importante porre rimedio, per evitarci un colon “arrabbiato”. L’infiammazione non è nient’altro che la reazione a stimoli ripetuti nel tempo, che mettono in moto una serie di meccanismi di difesa, per cui, nel caso specifico, l’intestino aumenta il suo volume, favorendo la cosiddetta permeabilità intestinale, e cerca in questo modo di farci comprendere il suo disagio.

La nostra tendenza è quella di ascoltare maggiormente, se non esclusivamente, ciò che ci dice la mente a discapito appunto del sentire emotivo: ora sappiamo, anche a livello scientifico, che questo si paga. Molti di voi avranno sperimentato terapie farmacologiche o naturali, diete e altri accorgimenti riscontrando una risoluzione sintomatologia momentanea, proprio perché è necessario lavorare a 360° su di sé, e l’attenzione verso emozioni e pensieri è sicuramente l’aspetto più importante. Anche qui può tornarci molto utile l’aromaterapia, che grazie all’uso degli oli essenziali applicati sul corpo attraverso un massaggio aromaterapico, favoriscono il contatto e l’unione tra mente, corpo ed emozioni. Il conflitto tra queste parti è sempre rivelatore di un sintomo sul corpo, perché non iniziare da subito a integrarle?

Per maggiori informazioni su corsi e seminari tenuti dalla dottoressa Macci e dai professionisti che collaborano con lei visita il sito www.alessiamacci.ito contattala per informazioni al 324 8662206, e-mail naturopata.macci@gmail.com