“Il segreto di Annibale”, viaggio nella storia con Roberto Giacobbo

Il libro, scritto con lo storico Livio Zerbini, è edito da Rai Eri

È un’impresa mai tentata prima, quella del generale cartaginese Annibale: scavalcare le Alpi con l’intento di invadere l’Italia e porre fine al conflitto che contrappone Roma e Cartagine per il dominio del Mediterraneo.

L’esercito di Annibale conta 30 mila uomini e centinaia di animali, tra cui un branco di elefanti: è una campagna ambiziosa, ancora oggi considerata una delle più grandi imprese dell’antichità. Eppure, per molti anni, è stata circondata da misteri.

Annibale partì dal Nord Africa per arrivare alla Penisola dalle Alpi attraverso i Pirenei e la Gallia: ma da dove passò esattamente e come? Attraversò le montagne dal passo del Piccolo San Bernardo, dal passo del Moncenisio, dal colle Clapier o dal Monginevro?

Perché è stato tanto difficile ritrovare le tracce di una spedizione così imponente? Oltre duemila anni dopo il viaggio di Annibale, Roberto Giacobbo ci fa rivivere, in pagine avvincenti, la sua storia e i suoi segreti, accompagnandoci “sul campo” assieme agli scienziati che, con i loro studi, hanno portato alla luce la verità, diversa da quella narrata da autori classici come Tito Livio o Polibio.

Dal giuramento di odio eterno a Roma alla lunga marcia tra i ghiacci alpini, dall’epica battaglia di Canne allo scontro fatale di Zama, il romanzo di Annibale, emozionante e ricco di colpi di scena, ci restituisce intatta e viva una delle più affascinanti avventure del mondo antico.