Migranti, più soldi per i rimpatri

Stretta del Governo. Il ministro Salvini: restano bambini, donne incinte e rifugiati

8359
Il ministro dell'Interno Matteo Salvini (Foto Ministero Interno - Oreste Fiorenza)

Dal governo Conte giunge l’annunciato giro di vite sui migranti. A darne notizia, con un tweet, è stato il capo del Viminale, Matteo Salvini: “Con una circolare a prefetti e presidenti delle Commissioni per il riconoscimento della protezione internazionale ho personalmente richiesto velocità e attenzione nel dare accoglienza a chi scappa veramente dalla guerra, ma anche nel bloccare tutti coloro che non ne hanno diritto”. 

Rimpatri più celeri, ma “donne incinte, bambini e rifugiati – prosegue Salvini – restano in Italia. Si vergognino i disinformati che dicono e scrivono il contrario”.  

Intanto il ministero dell’Interno ha spostato 42 milioni di euro dall’accoglienza dei migranti ai rimpatri “Quello che fino a poco fa era un business che faceva arricchire pochi sulle spalle di molti, diventa un investimento in sicurezza e in rimpatri – ha chiosato il ministro – la voce è sempre quella, immigrazione, però c’è modo e modo di usare i fondi che stanno sotto quella voce”.